Una volta che il decreto sarà pubblicato in Gazzetta le amministrazioni avranno 12 mesi di tempo per recepirlo e emanare un’ordinanza sindacale per la regolamentazione di tali dispositivi, ordinanza che dovrà individuare gli ambiti di circolazione autorizzata. La sperimentazione potrà avere una durata minima di 12 mesi e massima di 24 mesi dalla data di emanazione dell’ordinanza sindacale.

Non solo, il decreto deve necessariamente essere accompagnato dall’installazione, a cura dei Comuni, di apposita segnaletica orizzontale e verticale, che indichi che è in atto la sperimentazione, quali mezzi sono autorizzati a circolare e dove e imponga limiti di velocità massima consentita. Segnaletica che comporterebbe un grosso investimento per l’amministrazione – per di più per una sperimentazione di soli 12 mesi – e che andrebbe a infittire ulteriormente il «panorama» urbano.

In attesa del decreto, vige quindi l’articolo 190 del Codice della strada che «vieta la circolazione degli acceleratori di velocità sulla carreggiata delle strade e sugli spazi riservati ai pedoni se possano creare situazioni di pericolo per gli altri utenti». La sanzione? Da 25 a 99 euro. I vigili, applicando l’articolo 190, hanno comminato a Milano un centinaio di multe a monopattini e altri dispositivi che viaggiavano a velocità sostenute in aree pedonali in situazioni di affollamento. Difficile pensare che, almeno a breve, il sindaco emani la sua ordinanza. Sono circa 10 mila i dispositivi per la micro mobilità elettrica che sfrecciano dappertutto in città di Milano, pur non essendo autorizzati.

Vi e’ chiaro quello che vi potrebbe succedere?

Camillo Piazza, Presidente Class Onlus

Pin It on Pinterest

Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: