Per contenere l’aumento della temperatura terrestre e gli effetti del cambiamento climatico l’Italia dovrebbe “decarbonizzare” il settore dei trasporti entro il 2050. Un obiettivo che richiede la diminuzione entro il 2030 del 33% di emissioni rispetto ai livelli del 2005, equivalente a un “taglio” di 23 milioni di tonnellate, per arrivare al 100% di riduzione, pari ad altri 77 milioni di tonnellate di CO2 in meno rilasciate, entro il 2050. Risultati che possono essere raggiunti solo con un cambio strutturale delle modalità di spostamento e, soprattutto, con la transizione verso la tecnologia elettrica.

L’articolo di Rudi Bressa per La Stampa Tuttogreen

Pin It on Pinterest

Shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: